Passa ai contenuti principali

Post

Patrocinio a spese dello Stato: aggiornati i limiti di reddito

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto del ministero della giustizia del 16 gennaio 2018 che ha adeguato i limiti di reddito per l'ammissione al patrocinio a spese dello Stato che da 11.528,41 scende  a 11.493,82, a causa della flessione dello 0,3% rilevata dall'ISTAT.

Ricordiamo che tale limito di reddito viene adeguato, così come previsto dal DPR 115/2002 ogni due anni proprio in base alla variazione dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, verificatesi nel biennio precedente registrato all'ISTAT.

Per approfondimenti sulle modalità di calcolo del reddito e sui soggetti che possono beneficiare dell'ammissione a tale istituto è liberamente consultabile la nostra pagina sul Patrocinio a spese dello Stato.
Ricordiamo, infine, che il nostro studio legale offre a tutti i clienti che si trovino nelle condizioni di poterne beneficiare di accedere all'istituto.
Post recenti

Lo studio legale Curci & Partners seleziona neolaureati per tirocinio professionale

A seguito dell'avvio del processo di riorganizzazione e ristrutturazione lo studio legale Curci & Partners (già studio legale Curci & Genovese), come indicato nei precedenti post, intende avviare un iter di selezione di neolaureati in giurisprudenza ai quali far compiere il periodo di tirocinio professionale al proprio interno.

All'esito di tale periodo di formazione ai soggetti prescelti che terminereanno con profitto il tirocinio professionale, acquisendo il titolo di avvocato, lo studio valuterà la possibilità di offrire proposte di associazione  nella propria struttura.

Al fine di conoscere i requisiti richiesti per partecipare a tale selezione è possibile consultare la pagina www.emiliocurci.net/tirocinio attraverso la quale inviare anche la propria candidatura.

Dal mese di febbraio 2018 lo studio legale Curci & Genovese diventa studio legale Curci & Partners

Da febbraio 2018 lo studio legale Curci & Genovese modifica la sua denominazione in studio legale Curci & Partners. 
Lo studio, infatti, a seguito dell'imminente passaggio dell'Avv. Antonia Genovese quale lavoratore dipendente presso un'importante struttura societaria che si occupa della gestione di crediti problematici ha deciso di intraprendere un importante percorso di ristrutturazione e riorganizzazione.
Auguriamo, perciò, all'Avv. Genovese di svolgere nella maniera migliore possibile il suo nuovo incarico portando nella sua sede di lavoro, anche un pò, dell'esperienza maturata all'interno dello studio.
Nel contempo, come detto, lo studio, pur rimanendo invariato l'incarico di direzione e coordinamento dell'Avv. Emilio Curci ed il rapporto di collaborazione dello stesso con diversi professionisti esterni per lo svolgimento delle pratiche ad esso affidate intende ricercare nuove risorse umane da formare al proprio interno, dapprima come tiro…

Lo studio legale Curci & Genovese è abilitato ad utilizzare il processo tributario telematico

Il nostro studio legale si è abilitato, previa apposita registrazione sulla piattaforma della Giustizia Tributaria telematica all'utilizzo del processo tributario telematico e ne sta utilizzando regolarmente i sistemi.

Abbiamo, infatti, già introdotto diversi ricorsi in modalità completamente telematica, dalla notifica dell'atto sino al deposito presso la competente Commissione Tributaria Provinciale velocizzando così i tempi di gestione del contenzioso e ottenendo anche risparmi per i clienti dal momento che tutte le notifiche non vengono più eseguite in modalità cartacea, ma esclusivamente a mezzo di posta elettronica certificata.

Ricordiamo che il processo tributario telematico è ormi attivo sull'intero territorio nazionale e, dunque, è possibile, sin d'ora, gestire contenziosi fiscali presso qualsiasi commissione provinciale, motivo per cui i nostri professionisti sono a disposizione di chiunque abbia bisogno di apposita consulenza in materia.

Tassa sui rifiuti: la consulenza del nostro studio per valutare eventuali errori e chiedere i rimborsi

Così come emerso dalle dichiarazioni del sottosegretario all'Economia Baretta, secondo il Ministero, negli ultimi anni alcuni Comuni avrebbero commesso diversi errori nel calcolo della Tassa sui rifiuti facendo così aumentare a dismisura le somme dovute dai cittadini.
La tassa rifiuti (così come riformulata dalla L.147/13) prevede l'obbligo di versamento in favore dei Comuni a carico di chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte che possono produrre spazzatura.

La tassa comprende una quota fissa e una variabile. La parte fissa sia applica in maniera proporzionale ai metri quadrati dell'abitazione, mentre quella variabile, aumenta a seconda del numero dei familiari che occupano l'immobile. La quota variabile va, dunque, calcolata una sola volta sull'insieme di casa e pertinenze immobiliari (es: box auto, cantine, ecc..), tenendo, come detto, ovviamente conto del numero degli occupanti l'immobile. Ciononostante alcuni Comuni invece d…

Da gennaio 2017 il nostro studio cambia sede

Dal mese di gennaio 2017 lo studio legale si trasferirà dall'attuale sede di Via Putignani n. 267 in Bari nel nuovo ufficio di Via Principe Amedeo n. 164, sempre in Bari. 
 La nuova sede consentirà una migliore organizzazione del lavoro in spazi più ampi e rinnovati e la presenza di nuovi collaboratori, al fine di garantire un migliore servizio di assistenza legale a tutti i nostri clienti.
Fino al mese di dicembre 2016 continueremo, comunque, ad essere operativi all'indirizzo di Via Putignani n. 267, per cui sarà possibile fissare appuntamenti in loco nelle consuete modalità. Da gennaio 2017 saremo, invece, felici di accogliervi nella nostra nuova sede.
Allo stesso modo i nostri contatti rimarranno invariati anche dopo il trasferimento nei nuovi uffici.

Come si partecipa ad un'asta giudiziaria ?

Ad un'asta giudiziaria immobiliare può partecipare chiunque tranne il debitore al quale sia stato pignorato l'immobile.
Ciò premesso va detto che, sebbene sia un'attività teoricamente consentita a tutti, la stessa richiede particolare cura ed attenzione nello svolgimento di alcuni adempimenti preliminari al fine di evitare di commettere errori che possano compromettere la validità stessa della partecipazione.
Innanzitutto è necessario individuare l'immobile per il quale si è interessati a partecipare. Per farlo è possibile consultare i siti www.astegiudiziarie.it, www.asteannunci.it, www.procedure.it, le riviste periodiche delle Aste giudiziarie o le pagine dei quotidiani nelle quali periodicamente vengono pubblicati gli avvisi di vendita.
Per taluni immobili (generalmente quelli non ubicati nei capoluoghi, ma nei paesi di provincia) vengono anche affissi dei manifesti nel comune in cui sono ubicati, ovvero per altri (di particolare pregio) viene effettuato uno specif…